Un trucco per essere più efficienti

La differenza sostanziale tra efficacia ed efficienza è questa:

siamo efficaci quando sappiamo fare il nostro lavoro

siamo efficienti quando, oltre a saperlo fare, lo facciamo nei tempi, modi e standard previsti.

Molti di noi sono molto efficaci ma poco efficienti.

Soprattutto noi imprenditori: tendiamo a non dare valore al nostro tempo e questo ci induce a cazzeggiare troppo.

Non ti arrabbiare: per cazzeggio io intendo anche, per esempio, fare il lavoro che non è il nostro.

Se io sono l'imprenditore e faccio il lavoro del magazziniere, cazzeggio.

Se io sono il direttore vendite e mi sostituisco ai venditori, cazzeggio.

Se io, faccio delle cose che dovrebbero fare altre persone che sono pagate per farlo, cazzeggio.

Il trucco per diventare più efficienti?

Quanto vale un'ora del nostro lavoro? Calcolala molto bene e applicala a qualsiasi unità di tempo tu impieghi personalmente sul lavoro.

Esempio: se tu hai un emolumento di 80.000 euro lordi l'anno il tuo costo orario è di circa 50 euro l'ora. Questa cifra l'ho ricavata in modo standard dividendo 200 giorni lavorativi, mediamente quelli che ci sono in un anno, per 8 ore al giorno, mediamente quelle che lavora un dipendente: 80.000:200:8=50.

Ricorda: tu sei un dipendente della tua azienda, anche se sei l'imprenditore e lavorare 365 giorni all'anno h24 non è essere virtuosi, è essere coglioni. Soprattutto se hai un'organizzazione strutturata.

Tornando al tema del post, se tu fai il lavoro del magazziniere, ipotizziamo che lui guadagni 30.000 euro lordi l'anno che fanno 18,75 euro l'ora, stai rubando all'azienda 31,25 euro l'ora.

Facendo questi calcoli diventa evidente che non serve a niente chiedere di lavorare su mezzo punto % di sconto in meno o di prezzo in più quando magari all'interno dell'azienda ci sono sacche di inefficienza così grandi, non trovi?

Come faccio io

Io, potendo gestire il mio tempo, come la maggior parte degli imprenditori e dei manager, quando cazzeggio, cazzeggio: senza rimorsi o paure di essere inadeguato.

Ci sono dei momenti in cui mi rendo conto di non essere nello spirito giusto e allora stacco, un'ora, due ore, mezza giornata, stacco perché so che non sarei produttivo.

Però quando lavoro, lavoro. Con concentrazione al 150%, perché so benissimo quanto costa una mia ora di lavoro e se perdo tempo, se cazzeggio facendo finta di lavorare o trovando scuse per la mia inefficienza, ho ben chiaro il danno che sto facendo, a me stesso e alla mia organizzazione.

Il segreto è semplice:

Diamo valore alle ore del nostro lavoro, un valore reale e ogni volta che lavoriamo calcoliamo quanto costiamo alla nostra azienda.

Alla fine della sessione di lavoro, possiamo dire, onestamente, di aver avuto il costo giusto in relazione al risultato che abbiamo prodotto?

E' un metodo molto semplice, funziona molto bene se siamo in grado di essere disciplinati e di non sentirci superiori alla nostra organizzazione.

E se sono un junior?

Se sei un junior che guadagna, per esempio, 2.000 euro lorde al mese significa che il tuo costo orario è 12,5 euro all'ora, secondo il calcolo che ho spiegato qui sopra, circa 100 euro al giorno.

Potresti pensare che il tuo lavoro valga poco, in realtà non è così: il tuo lavoro vale moltissimo e tu, se lavori nell'azienda giusta, hai la possibilità di aumentarlo in modo abbastanza veloce: inizia a produrre efficienza e prodotti che valgano molto di più di 12,5 euro all'ora. Inizia a farlo, se le tue mansioni ti permettono di farlo ovviamente, e l'imprenditore o il tuo capo se ne accorgerà.

Se lavori nell'azienda giusta, in un tempo non troppo lungo, se tu produci valore per la tua azienda, valore vero, che non è rappresentato dalle ore che passi in azienda ma da quello che produci per l'azienda nelle ore in cui sei lì, i tuoi responsabili se ne accorgeranno e ti faranno crescere e cresceranno anche i tuoi introiti e il tuo valore per l'azienda.

In un gruppo nessuno è indispensabile e tutti sono sostituibili, compreso io, però le persone non hanno lo stesso valore. Io dove ho lavorato, anche quando sono stato dipendente, ho cercato di esprimere il massimo del valore, per me e per la mia azienda.

Tu, imprenditore o dipendente, cosa stai facendo al proposito?

Il mantra di questo post è: valorizziamoilnostrocostoorariosenzascuse

Per oggi è tutto.

Ti piacerebbe approfondire di persona questo argomento?
Contattami, senza impegno, cliccando sul pulsante qui sotto, sarà un piacere darti supporto!
Lascia un commento