Piccoli sforzi portano piccoli risultati

Piccoli sforzi portano piccoli risultati

Piccoli sforzi portano piccoli risultati? Può sembrare lapalissiano come titolo, ma quanti di noi lo hanno ben chiaro in mente? Grandi risultati richiedono grandi sacrifici, può sembrare banale ma spesso questa frase viene sottovalutata. Ci si aspetta di ottenere risultati in modo facile, leggero, agevole. Soprattutto nella vendita. Siamo circondati da "venditori con le pantofole" che fanno i turisti d'affari invece che affrontare il mondo e la loro attività, con il sano realismo necessario a ottenere buoni livelli di vendita. Per poter ottenere il risultato che vuoi, come venditore, ovviamente se sei un venditore professionista e quindi a provvigioni, devi fare un semplice calcolo: prendi la cifra che ti serve vendere per vivere bene, raddoppiala e datti da fare per raggiungere quella. E' un assioma. Perché è importante conoscere questo assioma: Se fai tutti gli sforzi che servono per raggiungere esattamente quello che ti serve non riuscirai mai ad ottenerlo.

Stai un po esagerando non ti sembra?

Direi, di no, vuoi vedere perchè non sto esagerando? Ipotizziamo che per poter vivere decorosamente ti servano 3.000 euro netti al mese. E' un esempio, se tu, come venditore professionista, ti sforzi di mettere in atto tutte le attività: telefonate, incontri, attività pre e post vendita per portare a casa i 36.000 euro netti all'anno che ti servono, non ci riuscirai mai. Non ci riuscirai perché ci sono gli imprevisti, ci sono i cali di forma, ci sono le giornate no, ci sono tante variabili che potrebbero ostacolarti. Il vero venditore, quello che sa cosa significa ottenere risultati prevede di realizzare le attività e gli sforzi per portare a casa 72.000 euro, non i 36.000 che gli servono effettivamente.  Raddoppia lo sforzo per essere certo di portare a casa il risultato che gli serve. Vuoi mettere l'anno in cui tutto gli fila liscio e riesce a portare a casa il doppio di quello che gli serve, come si sentirà il venditore? E' raro ma succede, può succedere, l'anno in cui tutto funziona, quello magico. In ogni caso, lavorando con questa mentalità, il venditore sicuramente riuscirà a far fronte a tutti gli imprevisti che possono accadergli durante l'anno e sicuramente i 32.000 euro che gli servono, riuscirà sempre a guadagnarli, probabilmente di più.

Ma è impossibile da fare

No, non è impossibile, è solo difficile. E' statistico, funziona ma è duro e difficile da realizzare, perché richiede una passione e una determinazione che i venditori con le pantofole e la vestaglia rosa, comodamente seduti alle loro scrivanie a mandare mail o fax, invece che alzare il sedere e andare a vendere per davvero, non riusciranno mai a concepire. La vendita è un'attività appassionante per persone appassionate, esige un alto prezzo per formare venditori performanti, ma è il lavoro più bello del mondo: quello da cui dipendono tutte le altre funzioni aziendali. Perchè, diciamolo, un contabile, un magazziniere, un tecnico, devono essere competenti, devono essere bravi ma, mettere la faccia per farsi sbattere in faccia le porte e garantire che l'azienda abbia le commesse per far lavorare tutti, bè, è tutta un'altra cosa. Tu, che tipo di venditore sei? Se vuoi insultarmi, o discuterne scrivimi qui: scrivimi@maurobaricca.it Il mantra di questo post è: venditorisuperstarsidiventasoffrendononpercorrispondenza Per oggi è tutto
Ti piacerebbe approfondire di persona questo argomento?
Contattami, senza impegno, cliccando sul pulsante qui sotto, sarà un piacere darti supporto!