MARKETING E ETICA

L'etica non è un punto di vista e tu sei il tuo ufficio marketing: saperlo ci può permettere di fare la differenza. Non è uno dei miei pistolotti da fanatico moralizzatore delle masse infedeli, è semplicemente la constatazione e la conferma che è proprio vero, è un'assioma e funziona, sempre. In questi ultimi mesi ho avuto conferme  sia dal punto di vista personale che professionale della seguente verità: se non vivi secondo i tuoi valori, se dici delle cose ma ne fai delle altre, è solo questione di tempo, ma tutto ti ritornerà indietro, sotto forma di badilata sul muso. I temi a me cari sono la motivazione, la leadership, l'organizzazione e il marketing relazionale e una delle cose che racconto durante i miei interventi, corsi o conferenze è questa: devi avere una mission, una vision e devi comunicarla ai tuoi stakeholder. Ma stai attento, questa mission che comunichi può essere un meraviglioso strumento di marketing perchè essendo il marketing una questione di percezioni, se sei bravo, riuscirai a far vedere ai tuoi interlocutori cose meravigliose. Riuscirai a motivarli e riuscirai ad ottenere risultati ma, essendo il marketing "percezione", ciò che professi, dichiari,sbandieri o promuovi deve poi avere un riscontro nella realtà. I tuoi clienti dovranno verificare che ciò che li ha affascinati è anche vero, concreto e tangibile, il tempo dei giullari e degli incantatori di serpenti è finito, definitivamente.  I clienti e le persone da cui dipende il tuo successo non ti faranno sconti se li hai presi in giro, o se si accorgeranno che racconti delle cose ma poi ne fai altre. Questo è il motivo per cui la strada della leadership è ripida, per cui fare l'imprenditore e farsi seguire è sempre complicato: perchè noi, io per primo, siamo indulgenti con noi stessi. Vogliamo che gli altri siano efficienti ma noi non lo siamo, vogliamo che siano precisi ma noi non lo siamo, vogliamo che siano professionisti ma noi non lo siamo, vogliamo che gli altri, non noi. Questa legge è universale ed è la stessa per aziende, persone, governi, la fregatura è che, se non la impari da piccolo rischi di diventare grande senza averla presente e quindi pensi che l'etica sia riservata ai comuni mortali. Se non stiamo attenti, come scrive  Marshall Goldsmith, ci convinciamo che abbiamo ottenuto risultati grazie al nostro comportamento invece che: nonostante il nostro comportamento. Riflettiamo sulla frase qui sopra e analizziamo le implicazioni che ha. L'etica professionale è la chiave di volta, non puoi incantare, affabulare o intortare, devi essere veramente un professionista, dicendo quello che fai, facendo quello che dici Il mantra di questo post è: forzaonorecoloreforzaonorecoloreforzaonorecolore.
Ti piacerebbe approfondire di persona questo argomento?
Contattami, senza impegno, cliccando sul pulsante qui sotto, sarà un piacere darti supporto!