Godiamoci il tempo che ci è concesso

Godiamoci il tempo che ci è concesso

"Perciò è detto che se conosci gli altri e te stesso non sarai in pericolo anche in centinaia di battaglie. Se non conosci gli altri ma conosci te stesso, ne vincerai una e ne perderai l'altra. Se non conosci né te stesso né gli altri ogni battaglia ti sarà letale". Sun Tzu, L'arte della Guerra.

Una frase semplice di un libro semplice ma molto complesso. Conoscere se stessi e gli altri non solo per vincere le battaglie che tutti i giorni la vita ci propone ma per sopravvivere, dove la parola sopravvivenza significa, per me, "vivere sopra", vivere meglio.

E' indubbio, le nostre vite sono problematiche e ogni giorno, dietro l'angolo può arrivare una sorpresa, spesso spiacevole, più raramente positiva.

Riuscire ad essere distaccati non è possibile, non è credibile. Riuscire a prendere le "sorprese" per quello che sono: accadimenti della vita è invece possibile.

Richiede un grande lavoro interiore.

Ci sono diversi modi di fare questo lavoro interiore:

  • facendosi aiutare da qualcuno,
  • studiando,
  • leggendo,
  • meditando,
  • credendo in qualche dio,
  • osservando.
Ognuno può fare come meglio crede. Negli ultimi anni ho osservato e lavorato con tantissime persone e posso constatare un legame comune tra tutte le persone equilibrate e che sembrano vivere una vita piena: hanno lavorato e stanno lavorando su se stesse, tutte.

Le persone che riescono a vivere la vita con una certa leggerezza, nonostante, a volte, mostruose difficoltà, sono persone che:

  • si sono perdonate,
  • sanno perdonare,
  • sono profondamente emotive,
  • godono di piccoli piaceri  
  • si gratificano quando ottengono risultati per loro importanti.

L'emotività come valore aggiunto

L'emotività, spesso tacciata come sintomo di debolezza, è secondo me il simbolo della vera forza: le persone emotive riescono ad essere più empatiche, a entrare meglio nel film, riescono ad instaurare relazioni migliori.

L'emotività va coltivata: non è lacrime e tenerezza, è riuscire a pesare quello che succede e avere il giusto stato d'animo per vivere il film che la vita ci fa recitare.

Impariamo a sorridere, perché tanto non sopravviveremo a noi stessi e non ha molto senso sprecare il poco o tanto tempo che abbiamo vivendo male, perennemente arrabbiati o insoddisfatti di quello che abbiamo o facciamo.

Non è facile, bisogna lavorarci tutti i giorni, in maniera consapevole all'inizio fino a che diventerà un automatismo.

Io ci sto lavorando su e ho trovato alcuni metodi che mi aiutano a provare a godermi al meglio il tempo che mi è concesso.

Tu cosa stai facendo e come ci stai lavorando?

Il mantra di questo post è: sorridiperdavvero

Ti piacerebbe approfondire di persona questo argomento?
Contattami, senza impegno, cliccando sul pulsante qui sotto, sarà un piacere darti supporto!