I numeri e le statistiche non servono a niente

I numeri e le statistiche non servono a niente

A un venditore soprattutto: se non sai leggerli, ma anche se ne hai troppi e non riesci a raccapezzarti.

Mi succede di chiacchierare con persone che quando parlo dell'importanza dei numeri assentono vigorosamente, orgogliose di avere centinaia di file excel, dati, mega dati, c.r.m. super evoluti tecnologici e parlanti. Ma spesso, assolutamente inutili.

Spesso ci sono aziende che hanno tantissimi dati ed elaborano tantissime statistiche, di cui però non se ne fanno nulla, perché hanno ridondanze, sono cervellotici e complicati, difficili da interpretare, impossibili da condividere.

Hanno così tanti numeri da non averne nessuno, in questo caso, forse, è meglio non avere i numeri.

Cosa intendo

I numeri sono fondamentali, sono la nostra guida, la nostra bussola che ci permette di vedere le cose per come sono e non per l'idea che noi abbiamo debba essere.

Una statistica, se non è taroccata, non mente mai.

Però, avere troppi numeri è deleterio, fuorviante, frustrante.

Quali sono i numeri che mi servono, per davvero? Sono quelli, e solo quelli, che devo tenere sotto controllo in modo maniacale.

Se sei un venditore:

  • tempo medio di produzione della chiusura di un contratto
  • appuntamenti fissati
  • appuntamenti fatti
  • offerte fatte, sia in termini numerici che di importo
  • offerte chiuse, sia in termini numerici che di importo
  • tasso di conversione cliente
  • numero di clienti nuovi attivati
  • griglia di controllo cross selling clienti
  • dati di up selling, dove applicabile
  • il tuo guadagno: è importante, se non guadagni, cosa vendi a fare?

Non è difficile, da fare, è però complicato farlo, perché padroneggiare i numeri ci mette di fronte alla realtà: avere sotto controllo questi numeri ci fornisce la certezza di come stiamo lavorando.

Ovviamente è il marketing che ci deve creare le opportunità per poter vendere, sia che il marketing lo facciamo noi stessi, sia che lo faccia la nostra azienda per noi, ma questa è un'altra storia, ne scrivo in altri post.

Marketing e vendite, per noi piccoli, pur essendo due cose distinte, sono gemelli identici: uno senza l'altro non ha senso.

Impariamo

Impariamo a non raccontarcela, a tirare fuori dal marasma dei numeri che abbiamo a disposizione, solo quelli che ci servono veramente.

Questi numeri però devono essere recitati a memoria tutti i giorni, prima e dopo i pasti. Ci devono permettere di fare strategie e correttivi se ci accorgiamo che non ci stanno portando dove vogliamo.

I numeri ci servono a farci meno seghe mentali e a metterci più in azione.

Eliminiamo i numeri ridondanti, e, come dice Tom Peters, usiamo questo metodo: "Spara, spara, spara, mira".

I numeri ci servono ad aggiustare la mira e centrare il bersaglio, non devono essere una scusa per fare incredibili pianificazioni, roboanti e ridondanti che però non ci portano ad azioni costanti e durature nel tempo.

I numeri non devono essere una scusa per rimanere a pensare, devono essere uno stimolo per affinare l'azione.

Troviamo quelli che ci servono, impariamo a maneggiarli ma soprattutto passiamo all'azione, perché pensare, senza fare, non ci aiuterà a pagare le bollette o il mutuo.

Se vuoi approfondire il tema della vendita, acquista il mio ultimo libro:"Il mantra del venditore: alzati e fattura" lo trovi cliccando su questo link.

Se vuoi esagerare, iscriviti al mio gruppo chiuso su FB dove, con i partecipanti al gruppo, dibatto giornalmente di questo e altri temi interessanti. Per richiedere l'iscrizione clicca su questo link.

Presto che è tardi.

Il mantra di questo post è: alzailculoevaiavendere

Per oggi è tutto.

Ti piacerebbe approfondire di persona questo argomento?
Contattami, senza impegno, cliccando sul pulsante qui sotto, sarà un piacere darti supporto!